“Il Signore con me è stato buono, ho ricevuto molto di più di quanto io abbia donato”.

Mons. Davide Milani comunica a tutta la Comunità pastorale e in particolare ai fedeli della parrocchia di San Nicolò che: “È morto questa notte (1 novembre) alla RSA Borsieri don Celeste Dalle Donne. Il funerale è fissato per martedì 3 novembre ore 15.30 in basilica San Nicolò a Lecco.
Vi invito a pregare per lui e a ringraziare il Signore per il suo ministero sacerdotale fedele e generoso in particolare per il bene che ha fatto nella nostra comunità.

Ecco gli orari dei momenti di suffragio per don Celeste a Lecco e a Bulgiaco:

  • Lunedì 2 novembre, ore 18.00: Rosario in suo suffragio nella Basilica di San Nicolò
  • Martedì 3 novembre, ore 15.30: Funerale in basilica San Nicolò a Lecco
  • Martedì 3 novembre, ore 20.30: Rosario di suffragio a Bulciago chiesa di San Giovanni Evangelista
  • Mercoledi 4 novembre, ore 10.30: Messa funebre nella chiesa di San Giovanni Evangelista a Bulciago dove – al termine – verrà sepolto nel locale cimitero.
Don Celeste durante la messa per il suo 60° di sacerdozio

Don Celeste Dalle Donne (Milano, 3 agosto 1931 – Lecco, 1 novembre 2020) era originario della parrocchia S. Maria al Naviglio di Milano. Ricordava volentieri che durante gli studi presso il “Seminarietto” del Duomo aveva fatto da “caudatario” al Card. Schuster di cui era profondo ammiratore. Dopo l’ordinazione sacerdotale fu incaricato dall’Arcivescovo G.B. Montini della segreteria dei vescovi per la missione di Milano del 1957. Dal 1958 al 1985 fu assistente dell’Oratorio della parrocchia San Michele e santa Rita in zona Corvetto a Milano. Nel 1985 il Card. Martini lo nominò parroco di Bulciago (Lc) dove rimase fino al 2008. La memoria degli anni di Bulciago era per don Celeste motivo di costante consolazione. Dal 2008 era residente presso la Basilica di san Nicolò a Lecco dove si dedicò con costanza al ministero della Confessione. Negli ultimi confessava: “Il Signore con me è stato buono, ho ricevuto molto di più di quanto io abbia donato”.

Don Celeste, don Franco e … i pompieri