Da domani 1 settembre al 4 ottobre – festa di San Francesco d’Assisi – inizia il tradizionale momento ecumenico di risanamento e speranza: il Tempo del Creato. La Chiesa italiana invita Lecco e i lecchesi a celebrare la Giornata e il Mese del Creato. Per la nostra città e il decanato, responsabili di associazioni e movimenti ecclesiali hanno predisposto un programma lecchese con due momenti

significativi:

  • Il primo si terrà mercoledì 1 settembre alle ore 20.45 alla chiesetta di san Egidio a Bonacina, “Oasi di pace”, momento di preghiera e di riflessione.
  • Il secondo sarà sabato 18 settembre a Malgrate e a Pescarenico punti di sensibilizzazione con proposte sul tema “Il Lago di Lecco è un omino che cambia”. Seguiranno informazioni dettagliate.

I temi del tempo del Creato 2021

I fedeli di tutto il mondo così come quelli lecchesi si mobilitano per rinnovare la relazione con il Creatore e tutto il creato attraverso la celebrazione, la conversione e l’impegno concreto. Il tema di quest’anno è: “Una casa per tutti? Rinnovare l’oikos di Dio”, spiega a VaticanNews la rappresentante del Comitato direttivo mondiale ecumenico del Tempo del Creato Cecilia Dall’Oglio, che indica pure nella Tenda di Abramo il simbolo cardine di tutti gli appuntamenti. “Penso che padre Paolo (Dall’Oglio ndr), mio fratello, sarebbe veramente molto contento di vedere montate in tutte le comunità del mondo, nei luoghi simbolici di tutti i continenti, tante Tende di Abramo, tante dichiarazioni di impegno da parte dei cristiani di tutto il mondo a costruire una casa per tutti, a rinnovare l’oikos di Dio, perché l’ospitalità, che è il carisma, uno dei pilastri della comunità di Mar Musa, possa essere per tutti noi una linea in cui muoverci: ospitalità è anche fare spazio, stringere altre mani”.